I secondi luce di Anna Ruotolo (LietoColle 2010)

Vederti come una casa a crescermi avanti
quando la nebbia allaga la terra
nel grigio fusto di novembre,
o un fuoco,
le mani che appendono il cappotto.

All’infinito so che ti affacci sul lato occaso della bocca
e svegli il tempo
so che scosti due rive, si ritira l’acqua dal mio petto
e sono tutte stelle.

Forse si può scrivere sul primo libro di Anna Ruotolo, giovane poeta campana, senza soffermarsi su metriche, forme, viaggi della parola; solo entrando dentro i corridoi scavati da tre quattro poesie come fossero sceneggiature di film, viaggi nella memoria del corpo e della mente, detriti arrivati dal centro del mare alla riva, alle lunule, un po’ tossici, un po’ da “conservare in pancia”.

Si sconta l’assenza, la mancanza, solo dentro il tempo; si sconta l’amore nel tempo, soffrendolo, ne si attende il ritorno, anche fuori della nostra volontà: non fosse per spiragli lasciati di proposito (“ripioverai sulla mia faccia / da un portone malchiuso / con le tue braccia di foglie / con le tue mani di poesie”), l’amore può ritornare in nuove forme, montaliano miracolo s’una porta di osteria.

Un mare d’inverno, così s’immagina il copione di questo film: una pensione a novembre, “l’affittacamere [che] accende un lumino / su per le scale”; e pensare subito a rinascere “come i pesci all’inizio del tempo / senza librare se l’acqua ritorna / per bene al principio della fase”. È certo un dono riprendere la luce, riconoscerla come “all’infinito”, talmente distante da non subire orologi, eppure “fuoco” che si spera, “bisbìglio delle lucciole” che si vede, acqua che pesa “quanto pesò sotto le barche / per tenerle in vita.”

È poi lo sforzo dell’amore (“Ho da scaldare tante piccole cose / per amarti bene”), il suo allenamento, la sua fatica (“risalire con la macchina i curvoni / addestrare il tempo della frizione”); la sua gratuita capacità d’invenzione, “un nome che mi hai dato”, la creazione.

Giorgio Casali

Annunci

Informazioni su Giorgio Casali

Nato nel 1986, vive sulle colline reggiane. Speaker di Radio Antenna1 101.3 dal 2009 al 2014 con il programma "Bankshot", recensisce narrativa, musica e poesia su varie Webzines. Ha pubblicato le raccolte di poesia "Attaccamenti" (Albatros, 2010), "Notte provincia" (Edizioni clandestine, 2011), "Poesie" (autoproduzione, 2012) e “Sotto fasi lunari” (Incontri editrice, 2013). Cinque sue poesie sono raccolte nell'antologia "Poeti di corrente" (Le voci della luna, 2013), curata da Anna Ruotolo e Riccardo Raimondo. Con il pittore Andrea Chiesi ha pubblicato il catalogo d'arte "19 paintings 19 poems" (Italian Cultural Institute in New York, 2014), dal quale è stato estratto lo spettacolo "Forma Suono Parole", con la collaborazione musicale dei Siegfried, presentato la prima volta al Poesia Festival 2014.

Un Commento

  1. Pingback: Giorgio Casali su “Secondi luce” | Anna Ruotolo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: